This text is replaced by the Flash movie.
150K ULTRA EBRO SWIM, 38h 02' DI GRANDI EMOZIONI - 19.08.2013

Descrizione:

Cari Amici Sportivi,
riesco solo adesso a raccontare lo straordinario esito della 150k Ultra Ebro Swim, perchè dopo queste avventure, non basta riprendersi fisicamente, ma c'è anche un tempo per metabolizzare tutte le emozioni che si provano.
38h02', le ore impiegate per portare a termine i 152 km di questa prova, che mi ha entusiasmato e fatto soffrire, ma che è stata davvero un'avventura indimenticabile.

Prima di raccontare, voglio dire GRAZIE, a tutte le Istituzioni Catalane che hanno reso questa idea realtà, occupandosi della logistica nei mini dettagli, con la più grande competenza in cui si possa sperare, la GENERALITAT DI CATALUNYA, SEGRETERIA GENERAL DE L'ESPORT DE CATALUNYA, L'IDECE, TORTOSA TURISM, AYUNTAMENTO DE TORTOSA, CLINICA TERRES DE L'EBRO, PROTECCIòN CIVIL.
GRAZIE alle persone, Cinta Espuny Vidal, Jordi Borràs, Juan Carlos Alemany Gasol, il Dottor Guasch, presenze attente e indispensabili.
GRAZIE di cuore a tutti i PATRONES, che si sono instancabilmente alternati alla guida delle lance da fiume per tutto il tempo, e hanno tracciato i mio cammino nel miglior modo possibile! GRAZIE a Jacinto Pagà Navarro e Pau Buera che hanno ripreso e fotografato questa impresa per tutto il tempo, immortalandola per sempre!!
GRAZIE ai miei SPONSOR, perchè sempre continuano a credere nelle mie imprese!

Sono partito alle 5.45 di sabato 10 agosto, dalla rampa sotto il Castello di Maquinienza, quanti pensieri prima di quel tuffo d'inizio...preno sempre qualche minuto per me, per pensare perchè anche se nuotando poi sei solo con te stesso, la dimensione è un'altra, diversa...poi un respiro e via, nell'acqua col buio pesto, andando incontro ad una giornata di sole ma ventosa che ha reso i primi 42 km negli invasi, un pò più duri di come pensavo...qualche ora, da buon diesel per assestarmi completamente ed essere in perfetto equilibrio, tra braccia, coprpo..testa per potermela godere completamente.
Una inaspettata deviazione "istituzionale" verso Pobla di Massaluca, il primo paese Catalano del fiume, mi ha creato qualche difficoltà, perchè ho nuotato per più 5 km deviando in un altro fiume di montagna, il Matarranya, quindi controcorrente e con un vento che non avevo in programma e le braccia poi, ne hanno un po risentito.
Rientrato sul fiume Ebro, è stato incredibile vedere come ad ogni tratto cambiassero gli scenari, i colori, la vegetazione, e come l'acqua, pesante e torbida negli invasi, diventasse assolutamente cristallina da dopo Ascò e fino alla fine, quando, superata la bellissima città di Tortosa, ha cambiato anche sapore, diventando piacevolmente salmastra!
Attraversare i 19 paesi catalani del fiume, con le loro chiese, strade, ponti, è stata una vera festa, sentire il calore della gente che giorno e notte, mi incoraggiava: MAURO TU PUEDES!! è stata la frase che mi ha risuonato sempre nelle orecchie e mi ha dato forza per superare anche i momenti più difficili quando il dolore (haimè alla spalla sx) e la fatica potrebbero sopraffare, come il faticosissimo tratto tra Tortosa e Amposta, percorso nel primo pomeriggio della domenica, quando si alza il vento contrario dal mare, originando anche moltissime onde, che mi hanno davvero fatto pensare, per un momento, che dopo 18 km in queste condizioni, non avrei potuto continuare oltre! Ringrazio in questo tratto la confortante compagnia di Monica e Pau, averli accanto mi dato nuove motivazioni ed energia, e bravi, davvero, non è da tutti nuotare in quelle condizioni!
Ma la testa, si sa, può condurti dove le tue braccia pensano di non potere arrivare, e così ho proseguito e sono finalmente arrivato, con il conforto e il supporto della mia straordinaria equipe, a DeltaEbre alle 19.47 di domenica 11 Agosto.
Che emozione vedere il ponte bianco dell'arrivo, quante volte in questo lungo anno di preparazione avevo immaginato quel momento, ed adesso era lì, davanti a me.. la gente mi aspettava sul pontile all'imboccatura "LA RUTA DE LA GLORIA" mi hanno urlato negli ultimi 500 metri, e mi hanno fatto piangere di commozione, davvero!

Sono felice, era la mia prima volta sul fiume, ed è bello sapere di avere scritto un pezzettino di storia! E' belo sapere che questa prova magari ispirerà qualcuno a intraprendere questa disciplina o comunque a provare sempre nella vita senza mollare mai.

L'emozione piu' grande? La notte, al buio e con un cielo pieno di stelle, come una coperta a farmi compagnia, tanto che ho scelto di non usare le starlight, nonostante abbia rischiato più di un frontale con le boe di navigazione! ma anche attraversare la diga di Xerta, a circa 90 km dalla partenza, aperta in 15' alle prime luci dell'alba, solo per il nostro passaggio.

Io ho attraversato l'Ebro, ma lui mi ha conquistato con i suoi paesaggi straordinari e selvaggi e le sue acque accoglienti e mi dato, in tutte queste ore di tempo, anche modo di pensare alla mia prossima impresa e a tanti tanti progetti in cui non tutti ma molti di voi potrebbero essere coinvolti, misurandosi con se stessi e vivendo un'avventura straordinaria, ne stiamo parlando, il 2014 sarà un anno di grandi novità, ma al momento non posso dire di più.

Adesso che ho anche recuperato fisicamente ed elaborato...stacco un attimo vado in vacanza in Caifornia e poi vi darò tutte le news!
A prestissimo
Grazie di cuore a tutti!!
Mauro

Link:

http://www.youtube.com/watch?v=_la_rzMp66w