This text is replaced by the Flash movie.
MANHATTAN ISLAND MARATHON SWIM; RACCONTO DI UN'AVVENTURA - 16.07.2008

Descrizione:

Ciao a tutti,
eccomi di ritorno dagli USA, ancora carico delle grandi emozioni che ho vissuto partecipando a questa straordinaria manifestazione, perchè sono le emozioni quelle che restano quando poi tutto finisce..
Mesi e mesi passati ad allenarmi in acque fredde, la preparazione iniziata in febbraio, a mare, e poi laghi come Caldonazzo e il Garda, fiumi, in Italia e all'estero..e poi è arrivato il giorno X, la partenza e New York che ci accoglie nella sua meravigliosa imponenza.

Arrivo carico di adrenalina. essere stato selezionato dalla MANHATTAN ISLAND FOUNDATION per partecipare, insieme ad altri 24 atleti provenienti da tutte le parti del mondo, alla MANHATTAN ISLAND MARATHON SWIM, il più prestigioso evento internazionale di nuoto mi lusinga, ed ha per me il sapore di un vero e proprio riconoscimento per le mie imprese, poichè alla competizione, dalla selezione durissima, si accede solo dopo una severa valutazione del curriculum e dei meriti sportivi, da parte di una Commissione Internazionale che fa capo alla Manhattan Island Foundation.

Ma per quanto ci si possa allenare e sentirsi "pronti"..ci sono sempre degli "inconvenienti".che non puoi proprio prevedere
infatti, la compagnia aerea, tra tutti i bagagli che avevamo..decide di smarrirmi quello con tutto ciò che serviva per la gara: l'abbigliamento sponsorizzato che mi aveva inviato la Speedo, materiale tecnico, la lanolina, e soprattutto..tutti i prodotti Ethic Sport per i rifornimenti!! TUTTOi!!
Così, il 4 Luglio, mentre l'America festeggiava l'Indipendence Day, dopo aver partecipato al meeting pre-gara a Governor Island, dove ho conosciuto tutti i concorrenti, adesso diventati amici, ho fatto l'unica cosa che c'era da fare, ho comprato occhialini e costume, nell'unico negozio aperto in Unione Square, e orriblili carboidrati liquidi, mai provati prima, in un negozio sulla Brodway.
Ho pagato molto in gara questo “inconveniente”, ma non avrei mai rinunciato a partecipare alla gara, e questo mi rende ancora più orgoglioso della mia prova e del mio stato di forma, sicuro, che in condizioni ottimali avrei fatto un risultato ancora migliore.
L'avventura vera, inizia la mattina del sabato alle 9.15 ora locali, a South Cove in Battery Park, sulle note dell'immancabile ed emozionante inno americano, sia noi solitari che le squadre a staffetta, ci tuffiamo in mare dalla banchina, tantissima la gente allo START, malgrado il tempo ci riservi l'unico giorno dei 15 trascorsi,con una pioggia battente..
Al fischio, VIA, ed è una partenza tiratissima e l'intera gara manterrà questo ritmo.
Giriamo la curva di Battery Park lasciando Lady Liberty sulla nostra destra, e ognuno di noi cerca il proprio kayaker, e, ancora dopo, oltre il Brooklyn Bridge, la barca appoggio per i rifornimenti, io la mia la riconosco subito, vedo sventolare la bandiera Italiana!
Il percorso mi ha tolto il fiato e al contempo mi dava la carica, malgrado il freddo e la pioggia cercavo di godermi il panorama, unico davvero, tra una bracciata e l'altra.
Siamo risaliti lungo tutto l'East Reaver, poi l'Arlem reaver, costeggiando il Bronx, e finalmente il passaggio sull'Hadson, che ci indicava la metà del percorso.
E' stata la gara più emozionante fatta fin ora, i fiumi erano invasi di barche che ci incitavano, i ponti affollati di sconosciuti che, vista la bandiera italiana che aveva la mia barca gridavano Go Italia Go!, è la meraviglia dello spirito americano, da cui avremmo molto da imparare, almeno nella sportività.
Il Washington Bridge non arrivava mai, ma quando ho visto alla mia sinistra i grattacieli di Down Town, l'Empire State Bulding, ho capito che stavo arrivando, ero sfinito dal freddo, ma troppo determinato ad arrivare in fondo.
L'arrivo, come la partenza è stato a South Cove, tra centinaia di persone che con bandiere e claps ci incitavano, è stato incredibile..anche riconoscere tra la folla il tifo di un caro amico, Dario Vitrano, venuto sul molo a sostenermi. Grazie.
E così, malgrado il cronometro continuasse a scorrere, prima di toccare il FINISH, mi sono accostato per l'ultima volta alla barca, questa volta per dare un bacio alla mia compagna, in lacrime per l'emozione. Forse ho perso qualche minuto, e stupito chi mi guardava, ma non mi importa, lei mi ha incitato per otto ore sotto la pioggia, era il minimo che potessi fare..
Un'emozione grande anche quella, poi le cure del medici che accertavano il nostro stato di salute, il "discutibile", ma caldo, tè preso in un ristorante cinese con cui l'amico Dario mi ha accolto.. e la gioia di essere arrivato e avere messo la medaglia al collo.
Subito dopo, al South West, la cena e la premiazione, un 6° posto tra gli uomini e un 13° assoluto, in queste condizioni è un risultato di cui sono molto orgoglioso..pensare che l'obiettivo iniziale era solo "arrivare"..
Sicuramente devo ancora realizzare bene quello che ho vissuto..poi mi sono comunque goduto le meraviglie della Grande Mela..e abbiamo concluso le vacanze a Miami..tra coccodrilli e immersioni con gli squali...
Spero solo di vivere altre emozioni come questa, e di essere riuscito a trasmetterle anche a voi.

E adesso, i sentiti e doverosi RINGRAZIAMENTI:
ai miei Sponsors, che permettono che tutto questo sia possibile, in particolare un grazie a Susanna De Simone de "La fabbrica della ceramica", che con le sue creazioni realizzate ad hoc per l'evento, mi ha permesso di portare un pezzo della mia Sicilia a NEW York, e da lì in tutto il mondo.vista la nazionalità dei partecipanti.
Un grazie speciale agli amici della Lerici Nuoto Master, Massimiiiano, Teseo, Enrico, e tutti gli altri..mi avevano affidato la cuffia da portare a New York..ma era dentro il famoso bagaglio!! è stato comunque un gesto bellissimo, la porterò con me nella prossima occasione..
Grazie a Michelina Zambella, di Oggi7, che nel quotidiano americano "America Oggi", il più letto dagli italiani in America, mi ha dedicato un bellissimo articolo, di cui inserirò presto il pdf.
E un grazie a tutte le persone che mi hanno sostenuto in questa impresa facendomi sentire la loro presenza.


Trovate tulle le bellissime foto della Maratona nella sezione Photo Gallery.

Alla prossima!!
Mauro


Link:

http://www.nycswim.org/Event/Event.aspx?event_id=1804&from=results
Altre immagini: